Roberto Gerardi: il caso non esiste


S’intitola “Il caso non esiste” il lavoro discografico di Roberto Gerardi: compositore, paroliere e musicista debuttante per la Sottotetto record che in questo tempo di Natale offre agli appassionati della  musica d’autore brani freschi, profondi e che confermano le idee chiare di un artista nato e formatosi a suon di buona musica. Titolo del prodotto di Roger è “Il caso non esiste” e tratta di un progetto musicale del cantautore Roberto Gerardi: un richiamo per i sognatori che credono che niente accada mai per caso. “Chitarra&Voce#1” è il titolo della prima release ufficiale e contiene le sessioni acustiche dei primi due brani inediti, registrate e documentate attraverso i video ufficiali, nella suggestiva location del prestigioso “Punto rec Studios di Torino”.  

L’incontro con l’artista. [Breve intervista]
 

Se dovessi provare a descriverti con poche parole, quali utilizzeresti?

“Non è mai facile essere precisi nella descrizione di sé stessi. Mi appello, quindi, al diritto di risposta di getto e nomino i primi tre aggettivi che mi vengono in mente : testardo, curioso e appassionato”.

Ti affacci in un mondo di musica d’autore con il fare di uno che “conosce il fatto suo”. Da dove nasce questo progetto?

“Il punto di partenza che è "scrivo e canto le mie canzoni" e ciò ha radici molto profonde, messe nel cortile del mio liceo linguistico. Ho sempre avuto l'esigenza di tradurre in musica e testo tutto quello che mi succede, perché farlo mi ha sempre dato la possibilità di trasformare le emozioni negative in energia per avanzare. Ho deciso però soltanto da un paio d'anni di portare avanti un progetto vero e proprio, quando ho cominciato a credere davvero che le mie canzoni potessero dare un'energia positiva anche a chi mi ascolta, che poi dovrebbe essere questo uno degli scopi principali della musica”.

Al tempo dei social network e dei talent quanto conta la qualità?

“La qualità è il punto di partenza per ogni tipo di professionista in quanto è il fattore che ti permette di mantenere la fiducia in quello che fai, anche quando ci vuole del tempo per riuscire a farsi ascoltare da un pubblico. Per quanto riguarda il talent, vale secondo me lo stesso principio, visto che la capacità di lasciare un segno in poche puntate di uno show televisivo è un lavoro fondamentale per giocarsi le carte al meglio, la presenza di un progetto solido con brani e idee che li accompagnano è importante tanto quanto il fascino vocale o dell'esibizione”.    

Cosa raccontano i tuoi brani?
“I miei brani raccontano del mio percorso umano , che non è diverso da quello di tanti ragazzi o ragazze che scelgono di seguire una vocazione o una passione oggi in italia . Diciamo che mi piace inoltre osservare e descrivere quello che ho intorno senza arrendermi a al contesto  spesso apparentemente negativo che ci circonda”.

Perchè la tua musica può piacere? A chi ti rivolgi?

“La mia musica può piacere e non piacere, questo vale per tutti gli artefici di qualcosa e ci svincola dalla pesantezza del consenso a tutti i costi. Sono il primo fan dei miei brani, mi seguono dappertutto e sono fiero delle mie canzoni; esse, infatti, sono il frutto di una ricerca compositiva e melodica che porto avanti da tempo anche grazie a seminari o corsi di scrittura con autori già affermati dai quali ho imparato molto. Come dicevo, ho un’idea della musica molto chiara, la musica per me è ossigeno, è buttare fuori la rabbia per ricalcolarla in qualcosa che si traduce in una vittoria personale. È a tutti quelli che credono in se stessi o cercano di farlo sempre di più che mi rivolgo, perché senza fiducia in se stessi non si va da nessuna parte, nemmeno in un mondo pieno di prospettive e opportunità”.

Da un “musicista in casa” a un contratto con la Sottotetto: com’è nato questo sodalizio?

“È  nato dall'incontro con Stefano Iuso, cofondatore della Sottotetto records e grande autore professionista di canzoni. Stiamo avendo il piacere di collaborare  insieme per molti brani del mio progetto, da lì tutto è andato da sé e ho sposato in pieno la mission della Sottotetto records, ovvero quella di valorizzare la nuova musica autorale emergente al fine di farci tutti forza "sotto lo stesso tetto””.

Ad ora hai ufficializzato due singoli... poi?

“Queste prime due canzoni si uniranno ad altri brani ai quali sto lavorando e che usciranno in primavera sotto un unico disco. Allo stesso tempo è mia priorità portare in giro queste canzoni e suonarle dal vivo in più occasioni possibili”.  

I brani.

“Coraggio”
è la prima canzone estratta da “Chitarra&Voce #1” ovvero il primo ep ufficiale distribuito da Sottotetto Records del progetto “ILCASOnonESISTE” alias Roberto Gerardi. Il brano, pubblicato nella versione acustica dal vivo, è stato registrato e filmato presso il prestigioso PUNTO REC di Torino, che ha ospitato grandi nomi della musica italiana e internazione tra cui anche la cantautrice Lana del Rey. L’arrangiamento,  curato dal cantautore Roberto Gerardi, in collaborazione con il chitarrista Francesco Tringali, mette in luce l’intimità e l’essenzialità di un brano intenso che pone il coraggio di essere se stessi e di  inseguire la felicità sopra ogni cosa, nonostante la negatività che spesso ci circonda.

“ILCASOnonESISTE”?
. Se qualcuno dovesse chiedere se “il caso non esiste” risponderei che questa è una domanda da un milione di dollari che ogni persona si pone in molte fasi della vita. Nel mare aperto delle parole negative, chi non vorrebbe evadere da questo caos moderno? È per questo che, in un pomeriggio di sereno variabile, il cantautore Roberto Gerardi sceglie di unire tutte le sue canzoni sotto questa frase: per incoraggiare se stesso, chi ascolta o ascolterà, nella ricerca della migliore strada da percorrere per stare bene, passando per le logiche ormai trascurate della fantasia e per quei segnali luminosi sul pavimento della vita  che puntano alle nostre più grandi passioni, la dove la felicità è Essere se stessi al cento per cento e  fare quello che si ama, a prescindere da ciò che ci dicono o cercano di imporci.; ognuno ha una “missione” e  la musica come tutte le altre forme artistiche e di comunicazione, può influenzare ogni persona in positivo. 

YouTubehttps://www.youtube.com/user/robertogerardi




blog comments powered by Disqus
x
Iscriviti subito