Home > Album > The Jester > Quench

Descrizione

Partiamo. Lasciamoci guidare in questo viaggio musicale da quattro anime che insieme formano un Giullare che, come Virgilio guidava Dante, ci guida in un percorso in questo bellissimo inferno che la nostra generazione attraversa nella freschezza della gioventù. Quattro anime che partono dal basso di Mattia Monaco e arrivano agli alti della voce e della chitarra di Sanny Tripoli con in mezzo la povera batteria martellata da Antonio Bonzo Arena e la chitarra travolta e sfinita da Nicola Cassata. Ci fanno sbirciare nel loro universo da cinque tappe partendo dalla sete mattutina che ci sveglia riportandoci fuori dal sonno a cercare noi stessi di Quench, ricerca che in una seconda tappa prende coscienza della necessità di due “calci nel culo” dal sergente Hartman e ci fa mette in riga con la forte provocazione di Military service. Adesso siamo qui, quasi a metà, ma ci assale quella sensazione che ci fa perdere fiducia in tutto e quindi pensando di essere deboli ci rifugiamo rintanandoci sotto le coperte, ma è solo un attimo perché alla fine in Stuck il Giullare ci indica la nostra via, usciamo dalle coperte e ripartiamo. Ripartiamo con il Giullare che con la sua voce Ogni sera racconta storie di donne e uomini che si intrecciano in un amore ormai dannatamente più liquido di quello che legava Dante e Beatrice ma che rappresenta comunque un forte turbamento di questo viaggio. Siamo alla fine, ma in realtà vi confessiamo che siamo alla fine dell’inizio, il Giullare è enigmatico, ci fa capire che continueremo a viaggiare insieme ma intanto in questa quinta e ultima(?) tappa sfoggia le sue doti da trasformista e veste le panni di una ragazza che va lontano da casa per studiare qualcosa che forse non le piace per mostrarci un’altra e forse la più grande difficolta dei nostri anni: il futuro. Qui il Giullare oltre a farci sbirciare sulla realtà ci da anche una lezione, stavolta con le note e non a voce, perché va bene l’ansia del futuro ma la musica è di quelle che ci fanno saltare di felicità.

Adesso mettiti su

Chiudi gli occhi

Alza il volume

E viaggia ballando con noi.







x
Iscriviti subito