DevInterface SRL - Web Agency Verona
DevInterface SRL - Web Agency Verona
Cuatro Leguas: esce il loro primo EP "Identidad"

La Indie Rock/Rock and Roll Band Venezuelana Cuatro Leguas composta dai fratelli Oscar Bosch Giurdanella (Chitarra/Voce) e Eduardo Bosch Giurdanella (Batteria/Cori) presentano il loro ultimo singolo promozionale chiamato "Quiero" che apre la loro prima produzione discografica in formato EP "Identidad". 

"È un'altra parte della band totalmente diversa da quella per cui siamo conosciuti. È più calda, meno diretta e con un significato personale, senza lasciare da parte l'essenza Rock" ha detto Oscar Bosch, compositore delle musiche.

Il disco è  stato registrato dalla Waipea Records con l'aiuto di Eduardo Navarro, responsabile del missaggio e della produzione musicale dell' EP a Caracas, Venezuela. Conta la partecipazione di Carlos Martinez nella composizione e registrazione del basso e Ali Nieves per quella delle chitarre.

Masterizzato ai dBMix Studios per Angemyr Lezama e Eduardo Martinez tranne Identidad dove Karl Milan è stato incaricato della masterizzazione portata a termine al Boris Milan Studio in Fort Lauderdale, Florida.  

"Con questo primo materiale pensiamo di attraversare le frontiere e radicarci in Europa per espandere i nostri orizzonti" afferma Eduardo il batterista della band. Questo disco conta tre singoli, ognuno dei quali è accompagnato da un video. I Cuatro Leguas non essendo ancora soddisfatti di questi 12 minuti carichi di buon rock lascerà più avanti un quarto video.

"Abbiamo deciso chiamare questa prima produzione "Identidad" perché il nostro primo singolo porta questo nome, eravamo alla ricerca della nostra propria identità, e la band ha iniziato con una cosa e ha finito con un'altra, è qualcosa d'ironico” racconta Oscar il cantante.

 L'EP può essere scaricato liberamente nelle reti sociali 

@CuatroLeguas 

Facebook
Twitter
Instagram
Soundcloud
https://soundcloud.com/cuatroleguas/sets/identidad-ep
https://www.youtube.com/watch?v=USIHgQZ-zrY




blog comments powered by Disqus