DevInterface SRL - Web Agency Verona
DA IERI SU YOUTUBE IL VIDEO DEL NUOVO SINGOLO DI DIEGO POLLI


 

“Lascio stare e stringo i denti 
i tuoi commenti sono abili serpenti 
come tutti detti legge
segui il gregge, frasi vuote per chi legge
allora lasciami capire cosa serve raccontare le tue gioie e le tue pare come se avessero un senso

E’ facile parlare dire quello che ti pare non fermarsi ad ascoltare non sai neanche quello che hai detto sai cosa c'è?”

Si apre così LIBERI, il nuovo singolo di Diego Polli, classe 1979, cantate, chitarrista e bassista in attività dal 1996 con diversi progetti, sia di inediti che di cover nella sua regione.

Durante l’inizio del lockdown Diego si autoproduce un album, contenente otto inediti. La lingua scelta da Diego è l’italiano, un modo per essere rock e al contempo dimostrare piena adesione alla propria italianità, consapevole delle accezioni che possono essere create anche in generi diversi dal pop.

L’album di debutto di Diego Polli, per cui si è avvalso della collaborazione dell’amico e chitarrista David Altieri batterista Rino Cavalli, è un disco che dall’alternative rock, procede verso suoni più duri, interfacciandosi con l’hard rock.

Di questo genere Diego e la sua troupe tiene conto anche nelle nuove produzioni e, anche quando lo stile verte verso suoni più morbidi e improntati al pop, non mancano incursioni decisamente rockeggianti.

https://youtu.be/-9R1HR1Irno

Il singolo presentato in questi giorni e il cui video ufficiale è stato rilasciato proprio ieri su You tube, fa risaltare bene tale scelta. L’impostazione della band, come lo stile stesso del pezzo, è decisamente rock e il contenuto del testo fa tutto il resto: uno sfogo nei confronti di quelle persone manipolatrici, che con le loro parole, pretendono di padroneggiare il mondo intero e la mente altrui. Persone che impiegano il loro tempo a criticare e giudicare egli altri senza ritengo, autoconvincendosi in modo di essere migliori; in realtà fintanto che sprecano così il loro tempo, queste persone non fanno altro che peggiore se stesse, impedendo a chi sta loro intorno di esprimere la propria libertà.

LIBERI esprime in maniera diretta tale concetto, lasciando l’ascoltatore stupito di fronte ad una scelta vocale di notevole impatto. Ed è solo l’inizio di un percorso che racconta vicissitudini realistiche e degne di attenzione a suon di rock….

Sonia Bellin

LINK SOCIAL
Facebook
Instagram





blog comments powered by Disqus