Jukebox utopia, viaggio lisergico per il post Covid


Il terzo album de Gli Imbroglioni, band underground brianzola milanese, è disponibile sulle piattaforme online dal 17 febbraio.

Un viaggio tra generi e generazioni.
Esce oggi il terzo album de Gli Imbroglioni. Dopo due EP, la band sforna nel 2022 il suo primo LP autoprodotto: Jukebox utopia. Le tracce sono nove e toccano i generi più disparati, estremizzando l'approccio eclettico e  ironico già in evidenza nelle precedenti due produzioni, Swing da trattoria (2016) e Orchestra  dell'amore (2019).

Jukebox utopia è un viaggio un po' surreale e a tratti lisergico tra passato e futuro, passando attraverso mostre d'arte e città dell'est, dove si incontrano truffatori brasiliani del mondo del calcio, pittori francesi dell'Ottocento, baristi smemorati e yuppie falliti della Milano da bere.
Non mancano temi legati all'attualità, segnata dalla straordinarietà dell'isolamento imposto dalla pandemia di  Covid-19. Le sonorità del gruppo spaziano con disinvoltura dallo swing al blues, dai ritmi in levare a quelli latin, dalle atmosfere jazz al pop elettronico.

Gli Imbroglioni

Il filo rosso dell'album, come nelle precedenti produzioni, resta la tradizione cabarettistica milanese, un approccio che permette al sestetto brianzolo milanese di passare con leggerezza da un genere all'altro, come in una sequenza di sketch comici.
Si va così dai sintetizzatori indie della speranzosa Quando finirà il Coronavirus (singolo uscito nell'inverno 2021) o della malinconica Vi lascio e vado via alle percussioni brasiliane di Pedro Paolo fino alla fisarmonica della balcanica Voglio andare a Skopje.

https://youtu.be/XkyVS73CHmU

Il riff blues all'unisono di Voglio fare tanti soldi fa da contraltare, invece, alla marimba tropicale che introduce Tanti saluti, déjà vu delle hit estive degli anni '80.
I pezzi swing, in primo piano nei precedenti due album, questa volta restano sullo sfondo e presentano  marcate sfumature psichedeliche, come nel pezzo di apertura, Aurum, e nella sofisticata La vita che cos'è, in cui spiccano gli arrangiamenti dei sassofoni.

https://youtu.be/4QmyDGKC0UA

L'influsso psichedelico sfiora l'atonalità e diventa preponderante nel brano di chiusura, Rivoluzione 10, evidente omaggio, sin dalla scelta del titolo, alle sperimentazioni musicali dei Beatles, di Franco Battiato e di Bruno Maderna.

I musicisti che hanno preso parte alle incisioni sono: Andrea Franceschi alle chiatarre, Stefano Fossati ai sassofoni, Enea Magatti al basso, Gianmario Mazzola alla voce, Massimo Morici alle tastiere e Simone Spadaro alla batteria. La fisarmonica è di Sandro Allario.
Nell'album compare anche un cameo di Giacomo Ciccio Valenti, attore comico con cui la band ha già registrato in passato la canzone Allora vado lì.
Jukebox utopia è stato registrato negli studi Six Sound di Mariano Comense (Como) da Andrea Franceschi e Luca Ottoboni.
Il mastering è di Maurizio Giannotti.

Gli Imbroglioni

BIOGRAFIA
Gli Imbroglioni nascono nel 2009 tra Monza e Milano. La loro musica è un viaggio un po’ surreale in un mondo fatto di balere, tram milanesi, trattorie sudice e fumosi banconi da bar.
Ispirandosi alla tradizione cabarettistica milanese, le sonorità del gruppo spaziano con disinvoltura dallo swing al blues, passando per ritmi in levare, sonorità latin, atmosfere jazz e pop elettronico. Musica leggera, insomma, dallo swing alla balera.

In oltre 10 anni di gavetta, hanno  suonato sui grandi palchi, ma anche in sagre paesane, trattorie, ristoranti, eventi aziendali, matrimoni e balere, in Italia e in Austria.
Hanno pubblicato due EP: Swing da trattoria (2016) e Orchestra dell'amore (2019). E due singoli: Allora vado lì, scritto con il conduttore radiofonico  Giacomo Ciccio Valenti (2017) e Quando finirà il coronavirus (2021). In uscita a febbraio 2022 l'album Jukebox utopia. 

Gli Imbroglioni sono: Andrea Franceschi (chitarra, cori), Stefano Fossati (sax, cori), Enea Magatti (basso), Gianmario Mazzola (voce), Massimo Morici (tastiere, cori), Simone Spadaro (batteria).  

LINK SOCIAL
https://www.gliimbroglioni.com/
Facebook
Instagram
YouTube
Twitter





blog comments powered by Disqus