DevInterface SRL - Web Agency Verona
'E SUONNE SO' SPERANZ' ", il nuovo singolo di ANIELLO MISTO ft. TITA NZEBI


open.spotify.com/album/0UCGFlB5FSGByrez294sog

 

 

 

 

 

Disponibile online anche il video ufficiale del brano

 

 

 

 

 

 

 

 

Milano, lunedì 17 ottobre – Esce oggi “’E suonne so' speranz” (Sud In Sound/Kontor New Media), nuovo singolo di Aniello Misto ft. Tita Nzebi. È disponibile online anche il video ufficiale del brano: youtu.be/PoQXdb901aA

 

 

 

 

 

Una data di pubblicazione scelta non per caso: dal 17 ottobre 1993, in tutto il mondo, si celebra infatti la Giornata Internazionale per l'Eradicazione della Povertà, per portare maggiore consapevolezza sulla necessità di cancellare la povertà e la miseria in tutto il mondo.

 

 

 

 

 

Le voci di Aniello Misto, esponente di spicco della world music, e Tita Nzebi, talentuosa cantante franco - gabonese, si scambiano e si fondono allo stesso tempo, in un insieme di diverse tradizioni sonore e compositive, dove ritmi e strumenti differenti danno vita a un brano unico e toccante.

 

 

 

 

 

«"’E suonne so’ speranz’" è una preghiera collettiva. È la voce di chi non ha avuto nulla dalla vita, di chi lotta per sopravvivere, di chi è costretto a stringere i denti per proseguire su un cammino troppo tortuoso. Il brano è dedicato proprio a queste persone, è un'occasione per poter ripetere insieme un mantra che dovrebbe accompagnarci sempre: "I sogni sono speranza... E la speranza è verità". Perché i sogni, quelli ci sono dati quando veniamo al mondo e non costano nulla. E, soprattutto, nessuno può portarceli via» commenta Aniello Misto.

 

 

 

 

 

Napoli, Africa, mondo: il messaggio che "’E suonne so’ speranz’" vuole mandare è che non importano le coordinate geografiche, importa la condivisione e il supporto reciproco, importa non smettere mai di lottare.

 

 

Registrato presso il Sud in Sound studio di Napoli, la musica è di Aniello Misto Gennaro Franco, mentre il testo è di Antonio Petrellese, Alfonso Petrellese e Huguette Mallo.





blog comments powered by Disqus