Génération Bataclan, un singolo per il 13 novembre




Guernica non era una cittadina destinata ad ospitare un teatro bellico con azioni che potessero rivoluzionare l’equilibrio degli stati europei del 1937. Tuttavia, con freddo cinismo, i vertici militari nazisti scagliarono contro il paese la loro aviazione. Perché? Perché si aveva bisogno di sperimentare. Esattamente così: sperimentare. Erano gli anni della guerra di Spagna e Franco cercava, con l’aiuto dei tedeschi e degli italiani, di rovesciare il governo legittimo. Fu un eccidio immane. Morirono donne e bambini: era il 26 aprile del 1937 e la primavera, contrariamente al suo solito carico di colori sgargianti e variopinti, dovette dar fondo a una sola delle nuance destinata a Guernica: quella rosso sangue.

Il Teatro Bataclan era pieno di brusii di ragazzi e ragazze. Aspettavano il concerto. Qualcuno beveva una birra, qualcun altro dava un bacio alla sua ragazza. Ad un tratto il momento atteso si concretizzò: l’ora del rock degli Eagles of Death Metal era arrivata. Un’ora di concerto e sei canzoni. Poi la drum bass acquistò un suono sinistro. Sembrava il crepitare di un mitra: erano tre kalashnikov in azione. I terroristi dell’Isis, come una sorta di nuovi nazisti, seminarono la morte su quella che sarà ricordata come la Génération Bataclan. Era il 13 novembre del 2015.

Fatte le debite proporzioni e sull’esempio dell’opera pittorica che Picasso firmò per Guernica, anche il cantautore Mimmo Parisi ha sentito, attraverso la musica, di voler dare un contributo artistico a un evento epocale come, per l’appunto, l’ultimo citato, la tragedia del Bataclan. Laddove il grande Pablo ha asciugato lo spazio semantico ed ha eliminato il colore – che segnala nel suo grigiore la carica drammatica dell’evento – nella canzone di Mimmo Parisi, “Génération Bataclan”, le strofe e gli incisi si caricano di suoni orchestrali che invitano a fare gruppo e a sostenere le parole quasi incredule di essere significanti di un atto così truce. “Génération Bataclan” è disponibile per l’ascolto o per il libero download, sulle varie piattaformi web, Jamendo, Reverbnation e altre. Il singolo è stato scritto interamente, testo e parole, dall’autore che, va da se, lo ha cantato. La drum campionata è stata programmata da Dieguito. Chitarre, basso e orchestra/sampler sono a cura dello stesso Parisi. “Génération Bataclan” è stato pubblicato, simbolicamente, il 13 dicembre, un mese dopo l’attacco dei terroristi. Il brano è accompagnato da un liryc video: https://www.youtube.com/watch?v=ZILC-z0Hic4.  




blog comments powered by Disqus
x
Iscriviti subito