26 giugno 2014 – CARLO ATTI PIANOLESS TRIO


Giunti alla metà della programmazione e molto soddisfatti delle scelte artistiche e dei concerti tenuti fin qui, il quinto appuntamento di Zola Jazz&Wine 2014 è una sorta di riconoscimento che la direzione di quest’anno e la rassegna vogliono rendere a Carlo Atti, “simbolo del jazz bolognese e figura fondamentale per molti musicisti in città, uno fra i migliori sassofonisti italiani, il vero jazzista” come lo definisce Carlo Maver, direttore artistico di Zola Jazz&Wine 2014.

Giovedì 26 giugno, alle 21.30, all’Azienda Lodi Corazza (via Risorgimento 223, loc. Ponte Ronca, Zola Predosa), Carlo Atti si propone in versione "pianoless trio" con il propulsivo tandem formato da Marco Palmieri al contrabbasso e Lorenzo Bonucci alla batteria.
In una edizione in cui LESS IS MORE (titolo e tema della rassegna 2104), Atti propone questa formazione unitasi recentemente, ma già più che collaudata, e porta a Zola Jazz&Wine un repertorio basato sugli standard che si diverte a rivisitare con assoluta originalità, pur rimanendo strettamente legato alle preziosità armoniche di questi brani fondamento della cultura jazzistica.

Come sempre durante la serata si potranno degustare, compresi nel prezzo del biglietto, i migliori vini dell’azienda ospite.

Atti muove i primi passi nel mondo della musica, complice un flauto traverso, all’età di sei anni frequentando gli studi classici sotto la guida del Prof. Ivano Melato (primo flauto dell’orchestra comunale di Bologna). Continua a studiare musica presso il Conservatorio di Ferrara affiancando lo studio del flauto a quello del sax tenore strumento che riconosce immediatamente come “il mezzo con il quale riesce meglio a comunicare”.
Nel 1988 registra il suo primo disco, Urlo, con Massimo Urbani, partecipa ad Umbria jazz con “il nuovo sestetto italiano” (Tamburini, Odorici, Cazzola, Vaggi, Tonolo, Atti) conquistando il premio Four Roses e nel ’90 prende parte al fianco di Steve Grossman al concerto di apertura della Biennale dei giovani artisti d’Europa a Marsiglia. Nel ’94 incide Lucky Serenade con Luciano Milanese, Andrea Pozza e Bob Braye, si esibisce nel ’95 al Ronnie Scott’sdi Londra con Rossi, Pozza, Tavolazzi e Bandini. Suona con Bob Mover e incide nel ’97 Sweet Beat con la formazione composta da Steve Ellington, Jeff Johnson, Hal Galper. Negli anni 2000 quando non è a New York, Carlo si esibisce spesso al Gregory’s di Roma; a questo periodo risale The best thing for you registrato nel 2008 con il chitarrista Emanuele Basentini. Un paio di anni dopo Frank Marocco lo contatta per incidere Changes. Seppur imprescindibilmente legato al linguaggio del jazz, collabora e incide dischi anche con Lucio Dalla, Gianni Morandi, Rossana Casale, Neffa e con gli Skiantos.

Web:
www.zolajazzwine.it
www.facebook.com/zolajazzwine

Prevendite:
Ufficio IAT di Zola Predosa: Villa E. Garagnani, via Masini 11, Zola Predosa; tel. 051 752472; orari di apertura: lun. 14.30 – 18.30, mart.-ven. 9.00 – 13.00/14.30-18.30, sab.9.00-13.00; email [email protected]

Info concerti:
Ufficio IAT di Zola Predosa: Villa E. Garagnani, via Masini 11, Zola Predosa; tel. 051 752472; orari di apertura: lun. 14.30 – 18.30, mart.-ven. 9.00 – 13.00/14.30-18.30, sab.9.00-13.00; email [email protected]
ComunicaMente: Parco della Montagnola, Via Irnerio 2/3, Bologna; tel. 051.6449699; orari di apertura: lun. e gio. 15-18; sab. 10-12/15-18;  email [email protected]

Biglietti:
Ingresso serate in cantina: intero €13,00; ridotto €11,00 (portatori di handicap e accompagnatore; possessori tessera Fai, Touring Club); ridotto €10,00 (studenti tra 7 e 18 anni, studenti universitari muniti di tessera); bambini sotto i 6 anni gratis.







blog comments powered by Disqus
x
Iscriviti subito