MARE E MINIERE 2014


SEMINARI DI MUSICA, CANTO E DANZA POPOLARE
in collaborazione con il Comune di Gonnesa
Gonnesa 24, 25, 26, 27 luglio 2014 (Scuola elementare “Giorgio Asproni”)


MUSICA D’INSIEME
Docenti : Simone e Nicolò Bottasso
L’obiettivo del corso è la creazione di uno o più brani orchestrali partendo da melodie tradizionali italiane e di world music europea. Si studieranno diversi tipi di arrangiamenti analizzando le possibilità timbriche (convenzionali e non) degli strumenti presenti, affinché ogni musicista possa da un lato trovare il proprio spazio e, dall’altro, contribuire al suono dell’ensemble.
Il corso è aperto ad ogni strumento e a musicisti provenienti da qualsiasi genere musicale.

ORGANETTO DIATONICO
Docente: Riccardo Riccardo Tesi
Il corso intende mettere in evidenza gli aspetti che caratterizzano la pratica odierna dell’organetto diatonico.
Attraverso la proposta di brani tradizionali e originali, verranno presi in esame problemi sia di natura tecnica (uso del mantice, tecnica lineare e incrociata, diteggiatura, coordinazione ecc.) sia di natura interpretativa (ornamentazione, espressione , staccato e legato ecc.). Ampio spazio sarà dedicato all’aspetto armonico e compositivo dello strumento e al suo utilizzo in contesti non tradizionali.
Lo stage è indirizzato a strumentisti che siano già in possesso della tecnica di base. Non è richiesta la conoscenza della teoria musicale.
Modello consigliato : otto bassi in SOL/DO o i modelli superiori.
Meglio se dotati di apparecchiature per registrare.

CANTO POPOLARE
Docenti: Elena Ledda - Simonetta Soro
Il corso illustrerà come ottimizzare l’uso dell’apparato fonatorio per parlare, recitare e cantare. Sarà messo in evidenza come l’emissione e la pronuncia di ogni singolo suono contribuiscano alla formazione della parola e come quest’ultima a sua volta si liberi divenendo musica e canto. Saranno presi in esame: controllo della respirazione, qualità vocali, impostazione ed emissione classica e popolare, tecnica polivocale del canto popolare, con particolare attenzione a quello sardo.

ESECUZIONE E COSTRUZIONE FLAUTI DI CANNE O PASTORALI (friscaletto siciliano e sulitu)
Docente: Pietro Cernuto
Chiamato flauto di canna, friscaletto, zufolo, farauto, strumento virtuosistico per eccellenza da sempre legato alla danza popolare, il friscaletto siciliano, anche grazie alle sue notevoli capacità espressive determinate dal buon vibrato e all’ ottima qualità timbrica, si coniuga perfettamente anche con altri generi quali la musica classica, la new age, il pop.
Il corso intende far conoscere ed apprezzare le straordinarie qualità e le molteplici possibilità di questo strumento, per lunghi anni trascurato o talvolta proposto al pubblico in maniera non appropriata.
Il friscaletto verrà dapprima presentato da un punto di vista teorico: si parlerà della sua storia, della materia prima utilizzata per la sua costruzione e verranno spiegate alcune fasi relative alla costruzione stessa. I corsisti inizieranno quindi l’ incontro diretto e personale con lo strumento attraverso una serie di esercizi, di varia difficoltà, studiati appositamente dal docente in relazione al livello di competenza e apprendimento di ciascuno di essi. Si faranno inoltre comparazioni con su sulitu, il flauto pastorale sardo.
Oltre alle tecniche di esecuzione, il docente metterà in risalto le varie modalità di interpretazione in riferimento ai differenti generi musicali.

BALLO SARDO

Docente: Giuseppe Molinu
“Dalla piazza alle piazze: il ballo sardo nella contemporaneità”: questo il cammino che cercheremo di percorrere nei quattro giorni di Seminario; pratiche di ballo che hanno valicato i singoli confini delle comunità e che s’inseriscono in una realtà, quella delle piazze, in continuo fermento ed evoluzione. Un momento d’incontro, di considerazioni, di scambio culturale in cui ci misureremo con la pratica coreutica di alcuni balli isolani il cui filo conduttore vorrà essere il piacere o se preferite la passione di provare a dare sensi e misure a su passu campidanesu, a su passu torrau, a su dillu, a sa dantza, a sa “logudoresa” e a su ballu tundu.

BANDONEON
Docente: Fabio Fabio Furia
Il corso è rivolto a tutti gli allievi interessati all’apprendimento del bandoneon. Non è pertanto richiesto alcun livello minimo di conoscenza dello strumento, ma esclusivamente la conoscenza degli elementi di teoria musicale di base. L’obiettivo principale è quello di fornire all’allievo i primi elementi conoscitivi e pratici legati allo studio del bandoneon e del tango. Verranno trasmesse le prime nozioni legate alla fisica dello strumento, gli elementi di cui si compone ed il suo funzionamento meccanico.
Verrà inoltre illustrata la disposizione delle note nelle due tastiere ed i vari sistemi esistenti (sistema argentino, sistema francese, sistema italiano etc), favorendo l’apprendimento dell'impostazione corretta dell’uso dello strumento e del mantice, con particolare attenzione alla postura ed alle diverse posizioni in uso per l’esecuzione.
Verranno infine forniti alcuni elementi di base di prassi esecutiva del tango.

PERCUSSIONI (tamburello e tammorra) E DANZE POPOLARI
Docente: Nando Citarella
Il laboratorio propone le voci, i ritmi e le danze della tradizione popolare del sud Italia e dell’area mediterranea; suoni e ritmi scaturiti, viaggiando da un punto all’altro del mare, dall’ incontro tra la cultura Arabo-Andalusa e quella della nostra  penisola: dalla Tammurriata vesuviana e dell’agro nocerino alla Tarantella carnascialesca di Montemarano, dal Saltarello laziale alla Pizzica Tarantata, dalla Moresca ai ritmi e alle danze processionali, dove gestualità, rappresentazione e ritualità ancora oggi scandiscono il tempo della Festa, spesso accompagnata da elementi di sacralità e magia.
Ritmi, danze e gestualità che rimandano a riti arcaici ed ancestrali, onirici, magici, ma potentemente vivi e attuali.






blog comments powered by Disqus
x
Iscriviti subito