DevInterface SRL - Web Agency Verona
DevInterface SRL - Web Agency Verona


'Pereira' il Nuovo Disco di Federico Cimini

"…la smetta di frequentare il passato, cerchi di frequentare il futuro…" sembra questa la frase fonte di ispirazione del nuovo disco di Federico Cimini.
Dopo un entusiasmante disco d'esordio uscito nel 2013 - "L'importanza di Chiamarsi Michele" (MkRecords) - che ha visto il giovane cantautore impegnato in lunghissimo tour su e giù per lo stivale, Federico decide di fermarsi per annusare nuove storie perchè, come dice sempre, "io di naso ne ho!".

Pereira (anche title track e singolo dal quale è stato tratto il videoclip realizzato da Giacomo Triglia) è un tuffo nella consapevolezza, nella voglia e nel desiderio di raccontare se stessi, a proprio modo. Quel modo che ognuno di noi ha di raccontarsi, in un equilibrio incerto tra il filosofico e il letterario, tenendo in mente che come 'sostiene Pereira' : "La Filosofia sembra che si occupi solo della verità, ma forse dice solo fantasie, e la letteratura sembra che si occupi solo di fantasie, ma forse dice la verità".

Ironico, scanzonato, provocatorio e tutt'altro che politically correct, è così "Pereira"; Cimini gioca sul contrasto tra la leggerezza impalpabile dei sentimenti e la consistenza rude della realtà.
Due camei originali ed imperdibili con gli amici Simone Cristicchi e Kutso.

Sonorità ricercate quelle di "Pereira", non più la musica come contorno alla poesia ma un tutt'uno denso e compatto.
Registrato da Andrea Rovacchi (già dietro i cursori di artisti come Marlene Kuntz, Cisco, Vinicio Capossela, Patti Smith e tanti altri) al "Bunker" di Rubiera; montato e arrangiato con la delicata e 'canterburyana' sapienza di Mirko Onofrio (già con Red Basica, Brunori Sas).

Contaminazioni musicali che alternano suoni distorti alla delicatezza del pianoforte, al progressismo di un synth e all'onirico soffio di un flauto.
"Non voglio raccontare i fatti miei alla gente, lo fanno tutti ormai. Voglio raccontare storie nelle quali c'è la mia vita ma anche, e soprattutto quella degli altri, perchè la vita non si racconta, si vive e mentre la vivi è già persa, è scappata" - dice Federico Cimini.

E' Bianca, come la storia di un ragazzo, delle sue insicurezze adolescenziali e di quelle più mature, la matrice di Pereira; una considerazione sull'evoluzione della persona come nel libro di Tabucchi "Sostiene Pereira", romanzo di formazione dal quale mutua il nome del protagonista che fa la staffetta con quel "Michele" che, con gli anni, gli appartiene un pò meno. Come Fare, è quello che ci si chiede, in un mondo immaginario nel quale non esistono santi, eroi, vittime e carnefici. E' questa la "normalità", lontanissima dal mondo attuale, che invece ha come tappeto ideale la Pelleliscia di una ragazzina cinica e senza interessi, che non pensa al futuro ma nemmeno al presente. L'amore indeterminato e senza confini in una canzone quasi d'amore come L'assassino, che come in un 'giallo scritto male' non si sa mai chi è il colpevole, neanche alla fine. Il Blu del cielo notturno su una "spiaggia nuova" seguendo con un dito la scia di quella Stella Cadente, che non cadrà perchè è solo un aeroplano.
E poi l'amore vero, che esiste, di Maria e del suo compagno che, ultranovantenne, continua a baciare una fotografia nonostante lei non ci sia più da molti anni.
Bruno l'erede di Pino è una divertente, e neanche tanto criptica, fotografia del panorama musicale 'indie' e del vizio tutto italiano di etichettare . Quel giorno in cui credevo (di essere normale e invece mi sono dovuto nascondere) è uno spensierato, disincantato e speranzoso elenco di cose che perdiamo proprio quando la realtà che ci sta intorno diventa insopportabile. E nel giorno in cui perderemo persino l'elenco delle cose perse ci accorgeremo che Il mondo diverso è quello che ci costruiamo, mentre scorrono i titoli di coda.

"So sempre, anche se a volte resta vago, quando un'anima o un personaggio sta viaggiando in aria e ha bisogno di me per raccontarsi" (Antonio Tabucchi)


Il Tour delle presentazioni:

#30MinutiPereira

28/05/15 @ Bologna - Cortile Café ore 22:00
30/05/15 @ Faenza (RA) - Casa del Disco di Faenza ore 19:00
31/05/15 @ Monteprandone (AP) - Caffè del borgo 1974 ore 20:30
01/06/15 @ Lamezia Terme - Libreria Tavella ore 18:30
01/06/15 @ Paola - Circolo Arci Piera Bruno ore 22:00
03/06/15 @ Tropea (VV) - Libreria Il pensiero meridiano ore 19:00
04/06/15 @ Vibo Valentia - GuinnessPub Rubirosa ore 22:00
05/06/15 @ Catanzaro - Radio Night Live/ Hemingway Club ore 22:30
07/06/15 @ Cosenza - Libreria Mondadori Cosenza ore 11:00
07/06/15 @ Lamezia Terme - Cafè Retrò ore 22:00
13/06/15 @ Taranto - Terrazze Akropolis ore 22:00
18/06/15 @ Siena - Cacio & Pere ore 22:00
19/06/15 @ Perugia - Living Café ore 20:00
20/06/15 @ Roma - Valìa Drink Food Music ore 22:00
21/06/15 @ Milano - Upcycle / Milano Bike Café ore 18:00



BIO:

Federico Cimini nasce a Cosenza il ventisei febbraio millenovecentottantotto. Cresce nella provincia calabrese, a San Lucido, sul mare, si appassiona alla musica e alle storie di paese. Finito il liceo si trasferisce a Bologna, nella nebbia, e inizia a trasformare la sua passione in qualcosa di concreto.
L'esordio a dicembre duemiladieci con l'EP "Non trovo i miei calzini". La scena musicale della città emiliana lo nota e iniziano concerti, concorsi e numerosi premi. Il ventisette aprile duemilaundici il videoclip del brano "Cosa c'è di male" viene selezionato e trasmesso nella rubrica "TG1 Note".
Il duemiladodici è un anno molto ricco. Tra marzo e novembre trasforma casa sua in uno studio di registrazione e si impegna nel progetto musicale a puntate e autoprodotto "Canzoni Clandestine" riuscendo ad appassionare il pubblico che tramite il passaparola lo porta a suonare in giro per l'Italia con i "Concerti Clandestini".
Inoltre, entrato nel roster di Arci grazie alla vittoria del concorso Suoni Reali di Arci Real, varca i confini italiani atterrando a Nottingham (UK) per partecipare al WEYA2012 – Word Event Young Artist, una rassegna mondiale inserita nel contesto delle Olimpiadi culturali.
Si esibisce al Salone internazionale del libro di Torino; mostra la sua solidarietà ai lavoratori licenziati dei TreniNotte con un concerto al Binario21 della Stazione Centrale di Milano; partecipa, insieme a molti dei più grandi esponenti della musica italiana, ad una serata al Teatro Duse di Bologna organizzata da L'Unità; partecipa al premio "Musica contro le Mafie" nel 2012 per diventare in seguito uno tra i più attivi sostenitori del progetto.
Il duemilatredici inizia con gli "open act" dei concerti di Cisco e, a maggio dello stesso anno, notato dall'etichetta Mkrecords, pubblica il suo disco d'esordio "L'importanza di Chiamarsi Michele", un concept album, la storia raccontata in canzoni delle "avventure e disavventure di un Michele come tanti".
Il disco suscita un notevole interesse da parte del pubblico ma anche della stampa nazionale, ottenendo articoli e anteprime su testate come Il Fatto quotidiano, L'internazionale, L'Unità, Rockerilla, Blow up, Buscadero; in rotazione su numerose radio, tra cui l'intervista nel programma "Meno male che c'è Radio 2" condotto da Simone Cristicchi e Nino Frassica.
L'uscita del disco è stata seguita da un "neverending tour" ricco di date distribuite su tutto il territorio nazionale, iniziato a maggio, con l'uscita del disco, e prolungatosi con successo per tutto il duemilaquattordici.
Il duemilaquindici è l'anno di "Pereira", il secondo album di Federico.


Per info : onmagpromotion@gmail.com
Per info Live : info@mklive.it





blog comments powered by Disqus