• 890

    Artisti

    45

    Strutture
  • 1031

    Eventi

    400

    Album
  • 792

    Articoli

    301

    Annunci
  • 2181

    Utenti

    940

    Video


Le migliori cattive situazioni - The best bad situations
  • Titolo: Le migliori cattive situazioni - The best bad situations
  • Etichetta:
  • Data Pubblicazione: 02/02/2016
  • Valutazione media degli utenti:

- Italia di Metallo” - 2016 “Manuela Galasso è un’artista livornese, attiva da decenni con diversi progetti musicali, dove lo spirito rock fa da minimo comune denominatore, denotando così passione e attitudine, coerenza ed un’unita d’intenti […] l’interesse verso attività culturali, extra musicali, fanno rendere conto della genuinità vera di Manuela, qualità che contraddistingue l’attività artistica di coloro che hanno qualcosa da dire,
 
con onestà e verità. 
[...] Attualmente è impegnata nella promozione della sua ultima release "Le migliori cattive situazioni - The best bad situations" […] l’inizio è bestiale, proietta subito in un clima di groove e potenza. Efficace il lavoro svolto dalla sezione ritmica, ben compatta.
 Davvero intenso e impetuoso il riff della chitarra nel susseguirsi delle strofe, su cui il cantato maschile, in italiano e ben ritmato, crea una dinamica d’interesse, e dove l’assolo punge in buona maniera. […] Un hard rock intenso e d’impatto, marcio e grezzo. Il testo in lingua italiana, forse poco si sposa, ma è comunque in tema, esprimendo una consapevolezza di ciò che è stato vissuto, ove le cicatrici sono come dei cimeli dei diversi traguardi, che sanciscono la crescita di una persona.
 […] Questa release rappresenta le diverse sfaccettature dell’artista Manuela Galasso, che attraverso diverse esperienze mostra una personalità determinata, coerente ed onesta, che sa quali sono i suoi limiti e le sue forze.

Ho avvertito un maggiore agio nei brani più potenti, strutturalmente ben fatti, a cui non mancano di certo potenzialità, soprattutto negli intro epici ed evocativi, nei riffs portanti ben ideati e connessi tra loro […]”

- “Metal Brother” - Spagna 2016 “Manuela Galasso è una chitarrista di Livorno, che ha già avuto esperienza nel panorama italiano, collaborando con vari artisti. Fa il suo debutto da solista e soprattutto debutta a livello internazionale, il motivo per cui abbiamo eco di questo
è la pubblicazione anche in inglese dell'album "Le Migliori Cattive Situazioni. Il brano di apertura dell'album, con un tempo medio e il cantato maschile, dura due minuti ma raschia duro e pesante e il suono in ogni momento, è insistente e con un vecchio sapore.[...] un lavoro interessante, i riff ritmici introducono la melodia, mentre altri introducono il fattore più nitido da metallaro. Ci sono un sacco di canzoni acustiche in questo lavoro, dove Manuela ha un aspetto più brillante e sempre melodica. […] Manuela si distingue per la prima volta con la sua chitarra. la maggior parte dei riff sono emotivi e molto suggestivi e possono suonare come i Metallica e gli Iron Maiden […] La canzone Mallory è una tra le più rock e divertenti dell'album. Un tempo parziale che sviluppa i riff più originali di tutto il lavoro. […] Ancora una volta il buon gusto di questa chitarrista di Livorno, combinato con riff atmosferici e molto malinconici, è un argomento trasparente, semplice, emotivo e nudo da ogni complessità[...]”

- “Radio Tsunami” - 2016 “Il 22 febbraio 2016 e´ una data sicuramente da ricordare, per il mondo emergente heavy/metal e hard rock. Sarete a chiedervi il perche´, il come mai e soprattutto per cosa? Oggi siamo a presentarvi, il nuovo album dell´emergente artista livornese Manuela Galasso, chitarrista e compositrice; lavoro interamente autoprodotto e distribuito dalla "Believe Digital".
Con l’inizio del 2016 si apre un nuovo capitolo musicale di Manuela Galasso, autrice e chitarrista livornese nata artisticamente dall’Hard Rock/Heavy Metal, il cui percorso artistico ha poi toccato vari generi e stili, mantenendo sempre alta la qualità e tenendo fede alla musica intesa come forma di espressione e comunicazione, senza preconcetti né compromessi. “Le migliori cattive situazioni – The best bad situations” è una raccolta di brani già composti ma non ancora del tutto distribuiti, che facevano parte di due diversi EP. All’interno dell’album l’alternarsi di brani in italiano ad altri in lingua inglese permette una sua più globale diffusione digitale, che sarà appunto a livello internazionale (in 240 paesi). Tuttavia si alternano sapientemente una voce maschile a una femminile creando un piacevole mix di stili; dove nelle canzoni in lingua inglese si noteranno influenze heavy metal, mentre in quelle in lingua italiano si notano metriche e sonorità´ del mondo Hard Rock. L’album si apre volutamente con il brano “Regina del niente”, pesante e graffiante sound compatto dove la presenza della voce maschile e l’interpretazione creano un´atmosfera emotivamente coinvolgente. Tra gli altri brani, troviamo “Nothing lasts forever”, tratto dall’EP “Bad situations” (del 2004); gradevole ballata il cui sound e la voce femminile creano un’atmosfera dolce ed intima. Tutti i brani sono scritti e composti interamente da Manuela Galasso, onnipresente alle chitarre.”

- “ 2112 Estacion de Rock” - Spagna 2016 “Questo album “Le migliori cattive situazioni” rappresenta il debutto a livello internazionale di una chitarrista italiana, chiamata Manuela Galasso, che sin da molto giovane ha avuto esperienze dell'hard rock/heavy metal. Fino alla sua carriera solista ha collaborato con diversi artisti,e questo album contiene 9 tracce di cui 4 più hard mentre le altre quasi più acustiche.”

- “Artists and Bands” - 2016 “Chitarrista e compositrice, Manuela Galasso ritorna sul mercato con questa eterogenea raccolta che ripercorre il suo excursus musicale degli ultimi anni e che la rappresenta nelle sue svariate sfaccettature. Sebbene nella compilation facciano la loro comparsa anche alcune tracce di cantautorato pop, l’indole ribelle dell’artista emerge in tutte le sue forme, particolarmente in quella punk/rock. Le sonorità e le tecniche vocali adoperate, che ricordano a più riprese quelle tipiche delle registrazioni casalinghe da “garage”, sono per lo più riconducibili a quelle tendenze del rock spiccatamente underground.
Il sound è infatti grezzo, artigianale, spesso anche retrò, e i riff rockeggianti su cui si fondano alcune tracce vengono comunque fortemente contaminati da quelle che sono le tipiche caratteristiche punk (più lontanamente, del metal)[...]”





Non ci sono ancora recensioni per questo album.