Home > Recensioni > Altro Che Baghdad


Altro Che Baghdad
  • Titolo: Altro Che Baghdad
  • Artista/Gruppo: La Nevrosi
  • Etichetta: Cinico Disicanto
  • Data Pubblicazione: 01/04/2014
  • Etichetta: Cinico Disicanto

  • Vai all'album

  • Recensito da: redazione il: 07/10/2014 09:47
  • Valutazione:
Antonio Cicco (Voce), Enzo Russo (Chitarra), Giulia Ritornello (Batteria), Marcella Brigida (Basso) sono LA NEVROSI, giovane rock band napoletana dal sound potente e dalla genuina freschezza ritmica e lirica.
É uscito alcuni mesi fa il loro disco dal titolo "ALTRO CHE BAGHDAD", caratterizzato da testi caustici pieni di rabbia, che sanno raccontare disagi e cattivi presagi, ma anche immagini più 'morbide' ed ovattate dal retrogusto romantico che rimandano ad atmosfere prettamente cinematografiche. Il nome della band rimanda alla follia ossessiva verso cui si dirige sempre più la società odierna (con tutte le conseguenze che ció comporta).
"ALTRO CHE BAGHDAD" é un puzzle composto da dieci brani (nove originali e una rivisitazione in chiave rock del brano "Vedrai vedrai" di Luigi Tenco). Si può partire proprio dalla canzone del cantautore genovese per entrare nel mondo della band campana: gli arrangiamenti rispecchiano appieno l'attitudine e la direzione artistica proprie della band. Il brano di Tenco é come se vivesse di una seconda fulgida vita. "La tua canzone" potrebbe essere definito un brano su commissione perché alla band é stato chiesto di comporre questa ballata per raccontare la fine di una vita stroncata da un male incurabile e cristallizzare in musica per sempre quella vita. Molto interesse riscuotono anche altri pezzi come la title-track "Altro che Baghdad" oppure "Scivola": il tocco del quartetto partenopeo risulta efficace e sontuoso. 
LA NEVROSI riesce a coniugare l'incazzatura delle liriche e delle ritmiche con la morbidezza e l'orecchiabilitá delle melodie che catturano l'ascoltatore spingendolo a riascoltare i pezzi ancora ed ancora. Obiettivo raggiunto. 
antonio giovanditti 





blog comments powered by Disqus